Tutto l'antico in seme
tutto il futuro in sogno
stan nel presente insieme
 
bel sol
per un mondo migliore
E=mc²

Sole e Gaia

dalla coppia creativa la grande via

più lenti più dolci più profondi

ed anche più felici?

Il sole, un invito alla condivisione

Un filo d’erba, una farfalla, un fiore, un bambino, l’intera società umana vivono per l’energia che viene dal sole. I suoi raggi raggiungono tutti gli esseri, con generosità e senza preferenze né graduatorie di importanza. L’energia che il sole invia in direzione della terra e che raggiunge il pianeta è sovrabbondante rispetto alle esigenze di vita dello stesso. Una parte viene riflessa nello spazio e si disperde. Quella che rimane è destinata principalmente a riscaldare la terra, a vaporizzare l’acqua, a spostare le masse d’aria, ad essere immagazzinata nei processi biologici e a sviluppare la vita delle piante e degli altri esseri. Un’energia, quella solare, non statica, ma sempre in trasformazione e fortemente distribuita, tale da poter arrivare in forma differenziata ovunque.

E’ il sole il motore dei cicli della natura che permettono a tutti gli esseri la condivisione della vita, attraverso il continuo verificarsi di trasformazioni energetiche.

Un ciclo caratteristico regolato dall’energia del sole è quello dell’acqua: evaporazione dei mari e dei laghi, condensazione del vapore nell’atmosfera con formazione delle nuvole, spostamento delle stesse a causa dei venti generati dai gradienti termici, caduta delle piogge, formazione dei torrenti e dei fiumi e ritorno ai laghi ed ai mari. Tutti gli esseri viventi, dal plancton e dai pesci negli oceani, alle piante, agli animali e agli uomini sulla terraferma, agli uccelli dell’aria, godono dell’acqua senza distruggerla. Questa viene riciclata in continuazione con l’aiuto del sole.

Un altro ciclo fondamentale è quello della vita che include la fotosintesi, in cui i vegetali, animali ed uomini respirando e nutrendosi, utilizzano l’energia del sole trasformandola in energia vitale. Le piante assorbono l’acqua attraverso le radici, respirano l’anidride carbonica dell’aria attraverso le foglie e, assorbendo l’energia del sole sempre attraverso di esse,, combinano chimicamente(fotosintesi), in una trasformazione di riduzione, acqua ed anidride carbonica in zuccheri ed amidi utilizzati dagli animali e dagli uomini come nutrimento. Le piante, a loro volta, attraverso le foglie emettono ossigeno nell’aria. Animali ed uomini respirano l’ossigeno che si combina con gli zuccheri e con gli amidi attraverso un processo chimico esotermico di ossidazione. Viene così liberata energia impiegata in tutte le funzioni vitali (movimento delle articolazioni, del cuore, ecc.) e vengono forniti, come sottoprodotti, anidride carbonica e vapore acqueo che espirati ritornano nel ciclo. L’anidride carbonica viene assorbita dalle foglie e l’acqua dalle radici delle piante.

Due cicli naturali quelli descritti, tra i numerosissimi alimentati dall’energia del sole, che riutilizzano tutti prodotti intermedi senza creare rifiuti.

La morte stessa diventa in questa visione ciclica, fonte di vita.

Pensiamo alle foglie cresciute con l’energia del sole. Arrivate al termine del loro ciclo, cadono a terra con colori che esprimono la gioia di donare la vita. Non è certo un caso, perché morendo si trasformano in humus che permette ad altre piante di nascere e svilupparsi con la forza dei raggi del sole.

Il sole dunque invita alla solidarietà, alla compartecipazione, alla condivisione, all’altruismo. E’ su questa via suggerita dal sole che l’uomo può sviluppare una nuova cultura che permetta di affrontare in forma responsabile e rispettosa di tutto il creato il problema energetico per la società umana.

 

Solo così l’energia passerà da “robot schiavo-padrone” dell’uomo a sua collaboratrice-amica. Solo così, le due realtà “società ed energia, impregnate entrambe di valori etici”. Non si troveranno in un rapporto di sfruttamento una rispetto all’altra, ma lavoreranno tacitamente insieme per la costruzione di un nuovo mondo ben diverso dalla realtà odierna dominata dal neo-liberalismo i cui valori supremi sono il profitto, il denaro, il prestigio con il conseguente sfruttamento dei più deboli, siano questi uomini o altri esseri.

 

La via comune di questa coppia società-energia sarà un cammino di democrazia e solidarietà globale attento agli insegnamenti della natura, in particolare del sole, che dà la vera energia fisica e psichica per una vita piena.

Coloro che sono convinti della validità di questo cammino non possono che condividere il realismo. Questo significa: non accontentarsi di un appoggio teorico di natura filosofico-intellettuale, ma decidere di inserirsi attivamente nei cicli della vita del sole.

 

E’ possibile anche per i non esperti un impegno di questo tipo?

Tutti possono avere un ruolo attivo, purché lo vogliano.

I genitori e gli insegnanti possono sensibilizzare i giovani. I tecnici e gli architetti possono elaborare progetti; gli agricoltori, gli operai, gli industriali possono introdurre nuove tecniche; gli economisti e i banchieri possono studiare nuove forme di finanziamenti; i politici possono proporre leggi adatte. Possono essere create cooperative ed associazioni. Ognuno può adottare piccole misure concrete e può discutere le nuove problematiche nel proprio ambiente.

Impegnarsi attivamente nella via del sole significa in sostanza, l’abbandono di una vita sterile riversata su sé stessi .E’ la scelta di una vita d’amore verso gli altri. Una scelta questa apportatrice di gioia e di fiducia nel futuro.

 
Maso Rosta 1 - 38049 Altopiano della Vigolana (TN) Italy - Tel. 339 5619529 e 328 7691395 - belsol.energia@virgilio.it
Online dal 2001 (c) Bel Sol | P.IVA IT 01661150225 | Privacy: questo sito non fa uso di cookie | fb g+
webtonic.it